BETA VERSION
Sito Ufficiale di Informazione Turistica
Comune di Ravenna

#myRavenna

Il BLOG UFFICIALE DI RAVENNATOURISM

Luoghi, i personaggi e le storie che raccontano l’anima autentica di Ravenna

Un pranzo di Natale a Ravenna: la ricetta dei cappelletti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Se pensiamo a un pranzo di Natale a Ravenna, non possono che venirci in mente i cappelletti, indiscussi protagonisti dell’inverno in Romagna.

cappelletti romagnoli, caplétt in dialetto, sono un tipico piatto della tradizione culinaria natalizia, anche se in realtà vengono consumati tutto l’anno, soprattutto in brodo di cappone o accompagnati da saporiti ragù di carne o di pesce. Questa pasta ripiena a Ravenna è apprezzata anche dai vegetariani, che possono consumarla con il brodo vegetale perché il ripieno non ha carne.

Voi come li preferite?

Secondo noi, nei mesi più freddi non c’è storia: si fanno in brodo!

I cappelletti in brodo sono la portata principale di ogni pranzo di Natale e, in vista delle feste imminenti, abbiamo pensato di farvi un regalo lasciandovi la ricetta dei cappelletti romagnoli.

La ricetta dei cappelletti romagnoli

Ingredienti per 6 persone

PER LA PASTA:
• 4 uova
• 300 g di farina per la pasta
• 100 g di farina di semola di grano duro

N.B.: normalmente si considerano 1 uovo e 100 g di farina per persona

PER IL RIPIENO:
• 2 uova
• 200 g di ricotta
• 100 g di formaggio raviggiolo (può andare bene un altro formaggio morbido come il campagnolo)
• 50 g di parmigiano grattuggiato
• noce moscata
• sale
• pepe

PROCEDIMENTO

Iniziate preparando la sfoglia. Mettete su una spianatoia la farina a fontana e rompete le uova al suo interno. Procedete impastando e quando la pasta è pronta fatela riposare, procedendo con la preparazione del ripieno.

Amalgamate bene la ricotta, il raviggiolo, il parmigiano e le uova. Aggiungete un po’ di noce moscata a piacere, sale e pepe.

Tirate la sfoglia con il matterello, in modo da ricavare dei cerchi (o dei quadrati) di 5 o 6 centimetri, al centro dei quali posizionerete il ripieno. Ogni cerchio o quadrato deve essere piegato a metà, formando così una mezzaluna o un triangolo, unendo le due estremità.

Lo spessore e la grandezza dei cappelletti dipendono dal gusto personale, ma l’importante è non esagerare con il ripieno, in modo da evitare che si rompano.

Se preparate i cappelletti in brodo come vuole la tradizione, serviteli caldi nel liquido di cottura non appena giungeranno in superficie.

Buon appetito!

A cura della Redazione Locale
E-mail: turismo@comune.ravenna.it

Data pubblicazione: 10 Dicembre 2020
Data revisione: 6 Dicembre 2022

#correlati

Precedente
Successivo
[uwp_login]