BETA VERSION
Sito Ufficiale di Informazione Turistica
Comune di Ravenna

Cripta Rasponi e Giardini Pensili della Provincia

Piazza San Francesco, 1 - Ravenna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

La cripta dei conti Rasponi, insieme al giardino pensile che gli sale attorno, è tutto ciò che resta del palazzo edificato nel 1600 per l’omonima famiglia patrizia di ravennati che vi abitò fino alla fine dell’800. Successivamente fu venduto come albergo, ma l’edificio andò distrutto in un incendio nel 1922.

Da allora, al suo posto, sorge un altro edificio, in stile neoromantico, in cui ha trovato sede la rappresentanza e gli uffici della Provincia. Per visitare la cripta, si accede allora dal portico laterale del palazzo che si affaccia sulla bellissima piazza San Francesco.

La famiglia Rasponi è stata, tra il 1300 e il 1800, una delle più antiche e potenti famiglie di Ravenna, fino a contare, nel Cinquecento, ben otto rami diversi spesso in contrapposizione tra loro.
Capostipite il conte Cristino, a fine ‘700, fece realizzare all’interno del palazzo una cappella funeraria, poi ribattezzata “cripta”, ma che non ospitò mai le spoglie di nessun membro della famiglia.

Vi si accede dal giardino ed è composta da un primo vano su cui si innesta verso l’alto una torre neogotica di fine ‘800 dalla funzione squisitamente decorativa e che indubbiamente dà il tocco di atmosfera al giardino pensile; quindi, si passa in una seconda stanza in cui una nicchia ospita una sfera di pietra su cui si legge la scritta “Sic vita pendet ab alto” (“Così la vita scende dall’alto”), e infine si apre a sinistra un piccolo presbiterio pensato per le celebrazioni liturgiche.

La pavimentazione è di estremo interesse perché ricreata con la giustapposizione di più frammenti di mosaico risalenti al VI secolo e provenienti dalla Chiesa andata distrutta di San Severo a Classe.

L’assemblaggio casuale dei diversi frammenti musivi crea una fantasia di forme e colori più decorativa che narrativa. Tra le figure di animali, fiori e motivi geometrici, che quindi valgono ciascuna solo per se stessa, la presenza di un brillante cromatismo, reso da alcune tessere di mosaico smaltate, contribuisce a rafforzare questa impressione di rilettura sapiente di un tesoro del classico in chiave moderna.

CONTATTI

FOCUS

Giardini Pensili, l’eleganza della natura è anche arredo urbano

Così come ritroveremo nel Giardino delle Erbe Dimenticate di piazzetta Sarpi, attiguo a un altro Palazzo Rasponi, anche i Giardini Pensili che attorniano questa cripta, offrono una meravigliosa oasi di naturalezza e di serenità tra cipressi, bossi e piante d’alloro in pieno centro storico.

Su esempio quattrocentesco, anche nei palazzi patrizi i giardini venivano progettati quale elegante elemento di arredo e oggetto di ammirazione e rispetto da parte degli ospiti che potevano constatarne l’eccezionalità delle soluzioni e la varietà di piante e fiori.

Questo giardino all’italiana, ancora oggi incorniciato dalla torre neogotica che sormonta la cripta, ha al suo centro una bella fontana circolare dai rinfrescanti giochi d’acqua, e poi sale, su più livelli e sfumature di architettura verde, fino a giungere a una prima terrazza pensile, all’epoca collegata con un volto alle scuderie e ai magazzini, affacciata su via Santi e sui tetti della città; quindi si arriva all’altezza della cima della torre all’ombra di un romantico bersò di rampicanti, per poi concludere la passeggiata sul belvedere che domina piazza San Francesco e la torre campanaria della Chiesa in cui vennero celebrati i funerali del Sommo Poeta, Dante Alighieri.

informazioni utili

Orario

In osservanza del DCPM del 3 novembre 2020, la Fondazione RavennAntica ha disposto la chiusura dei monumenti di propria competenza a partire da giovedì 5 novembre 2020 fino a ulteriori comunicazioni.

Tariffe

Intero: 2€
Ridotto Gruppi (minimo 15 persone) e singoli (Studenti, Accompagnatori disabili): 1€
Scolaresche: 0.50€

Visita guidata per gruppi: 40€

Biglietto cumulativo (Cripta Rasponi + Domus dei Tappeti di Pietra + Museo Tamo): 7€

Gratuità

Bambini (sotto i 6 anni); giornalisti; disabili; Amici di RavennAntica; guide d’Italia; capi Gruppo; Militari, rappresentanti del MIBACT

Accessibilità

Le terrazze più alte e la cripta non sono accessibili ai disabili.

Come Arrivare

Zona centrale, zona semi pedonale, fermata bus a 20 mt. per tutte le linee bus, parcheggio auto a mt. 100, parcheggio bus a mt. 20. Nelle vicinanze Basilica di San Francesco, Tomba di Dante, Museo Dantesco, Complesso di San Nicolò, Biblioteca Classense e Museo del Risorgimento.

A cura della Redazione Locale
E-mail: turismo@comune.ravenna.it

Ultima modifica: 29 Marzo 2021

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Precedente
Successivo
[uwp_login]