BETA VERSION
Sito Ufficiale di Informazione Turistica
Comune di Ravenna

Colonna dei Francesi

Via Argine Destro Ronco - Ravenna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Costeggiando l’argine sinistro del fiume Ronco, in zona Madonna dell’Albero, si erge una stele di marmo circondata da alti cipressi.

Si tratta della cosiddetta COLONNA DEI FRANCESI, un monumento alla memoria fatto scolpire nel 1557 dal cardinale Pier Donato Cesi, arcivescovo di Narni, a ricordo di uno dei massacri più terribili della storia medievale e moderna: la battaglia di Ravenna (vedi focus).

Si tratta di una colonna quadrata in pietra d’Istria in cima alla quale è scolpito un capitello ionico che regge un cubo e una sfera in pietra.

Oltre alle iscrizioni in latino che ricordano il committente e la data dello scontro, si leggono anche due brevi descrizioni della battaglia: “A ricordo dei francesi e degli spagnoli qui uccisi e perché il tempo non distrugga il ricordo di questo avvenimento”.

Durante l’occupazione napoleonica, la colonna fu nascosta alla vista e poi spostata di qualche metro. Dal 1972 il monumento ha riacquistato la sua collocazione originale.

FOCUS

La battaglia di Ravenna

Narrano le cronache che la domenica di Pasqua dell’11 aprile del 1512, nei pressi di Ravenna, nella piana tra il fiume Ronco e Montone, si svolse uno dei massacri più terribili della storia medievale e moderna.

Per otto ore gli opposti schieramenti dei Francesi ed Estensi si scontrarono contro la cosiddetta Lega Santa, formata da spagnoli e napoletani.

Si trattò di una battaglia cruenta in cui persero la vita circa 20.000 soldati (spagnoli, napoletani, tedeschi, veneziani, ferraresi e francesi), fra i quali il valoroso Duca Gaston de Foix-Nemours e a cui sembra abbiano partecipato personaggi come il Baiardo, il De La Palisse e Ludovico Ariosto.

Al termine dello scontro anche Ravenna ne uscì devastata, saccheggiata e violentata dalle truppe vincitrici.

La storia racconta che questo fu uno dei conflitti più cruenti di tutti i tempi poiché rappresentò una sorta di spartiacque del mondo moderno, segnata anche dall’avvento dell’artiglieria pesante.

informazioni utili

Orario

Sempre visibile.

Accessibilità

L’area è pienamente accessibile.

Come Arrivare

Il monumento si trova fuori dal centro storico di Ravenna, percorrendo la via Ravegnana, in direzione di Madonna dell’Albero.

In bus: fermata bus a mt. 600 (bus n. 3) in Via Ravegnana. Cerca il tuo autobus: www.startromagna.it

In auto: usciti dal centro, dirigersi in direzione Forlì su Via Ravegnana fino alla località di Madonna dell’Albero. È possibile lasciare la macchina lungo l’argine del fiume Ronco.

A cura della Redazione Locale
E-mail: turismo@comune.ravenna.it

Ultima modifica: 21 Marzo 2022

TI POTREBBE INTERESSARE

Precedente
Successivo
[uwp_login]