BETA VERSION
Sito Ufficiale di Informazione Turistica
Comune di Ravenna

Antico Porto di Classe

Via Marabina, 7 - Ravenna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

A pochi km a sud del centro storico di Ravenna, si estende in tutta la sua bellezza il sito archeologico del Porto di Classe, corrispondente all’area portuale e commerciale dell’antica città di Classe.

Si tratta di un parco aperto al pubblico di circa 10.000 mq in grado di offrire al visitatore una visione approssimativamente sincronica dell’antico porto di Ravenna tra il V e il VI secolo d.C.

Un po’ di storia

L’insediamento di Classe nasce attorno al 27 a.C., dietro iniziativa dell’imperatore Augusto che decide di stabilire a Ravenna la flotta militare per la salvaguardia della parte orientale del Mar Mediterraneo: un lungo porto canale composto da diversi bacini in grado di accogliere fino 250 navi da guerra.

Passano alcuni secoli e agli inizi del V secolo d.C., in seguito al trasferimento della capitale dell’Impero Romano d’Occidente da Milano a Ravenna, l’insediamento viene riorganizzato a scopi prevalentemente commerciali in modo da ricevere, conservare e redistribuire il grande quantitativo di merci e derrate che arrivavano in città.

Nasce in quel momento la Civita Classis che ancora oggi osserviamo nel mosaico della Basilica di Sant’Apollinare Nuovo (VI secolo d.C.).

Il porto diventa un importante scalo commerciale sull’Adriatico, porta d’accesso al mare per l’intera Pianura Padana.

L’epoca d’oro dura però poco meno di due secoli. A partire dal VII sec. d.C., a causa di una grave crisi economica e della diminuzione dei traffici commerciali e dell’insabbiamento dei canali di comunicazione, tutta l’area cade lentamente nell’oblio.

Cosa vedere

È possibile visitare il Parco Archeologico in due modi:

Lungo il percorso di visita sono collocati una serie di pannelli narrativi che illustrano la storia del porto di Classe, dalla nascita fino al suo completo abbandono.

Camminando attraverso i resti della storia, è possibile ammirare gli affacci sul canale, la strada lastricata romana che serviva i moli d’attracco, entrare all’interno di quelli che un tempo erano i magazzini in cui erano stoccate le merci.

Suggestiva e originale l’installazione di cinque lastre prospettiche con le ricostruzioni degli edifici, che si fondono con l’ambiente attuale, restituendo scorci di passato.

Nel corso degli scavi sono stati rinvenuti moltissimi materiali, come marmi, lucerne, anfore e oggetti preziosi oggi conservati ed esposti all’interno del museo Classis che, insieme al porto, restituisce il quadro puntale e aggiornato della storia di quest’area tra il V e il VI secolo d.C.

CONTATTI

FOCUS

Il nuovo allestimento del sito archeologico

Tutta l’area dell’Antico Porto di Classe è stata recentemente oggetto di un prezioso e multidisciplinare lavoro di valorizzazione che ha riguardato il recupero del sito, la sua messa in sicurezza, la sistemazione del canale, la salvaguardia della ricca biodiversità e, naturalmente, il restauro dell’area archeologica vera e propria, con un focus approfondito sull’epoca tra il V e il VI secolo d.C.

Inaugurata pochi anni fa, l’area è facilmente raggiungibile in bicicletta partendo dal centro storico grazie a una comoda pista ciclabile.
Molti ravennati si spostano qui durante il periodo estivo per assistere a interessanti visite guidate, ma anche concerti e spettacoli sui prati che costeggiano il canale.

Oggi l’antico Porto costituisce la prima stazione del Parco Archeologico di Classe, comprendente la Basilica di Sant’Apollinare in Classe e il Museo Classis: un viaggio a 360° nella storia di Ravenna e di tutto il suo territorio.

informazioni utili

Chiusura

L’area archeologica è chiusa fino a primavera 2022.

Accessibilità

Il parco archeologico è interamente accessibile alle persone disabili.

Come Arrivare

L’area si trova a circa 5 km a sud dal centro storico di Ravenna, in località Ponte Nuovo, in direzione Classe o Rimini.

In bus: linea 4 e 176 in partenza dalla stazione ferroviaria di Ravenna.

In bicicletta: l’area è collegata con la città da un’efficiente pista ciclabile.

In macchina: il parco è dotato di un ampio parcheggio per auto ed è facilmente raggiungibile dalle vicine stazioni ferroviarie di Ravenna e Classe.

A cura della Redazione Locale
E-mail: turismo@comune.ravenna.it

Ultima modifica: 2 Dicembre 2021

TI POTREBBE INTERESSARE

Precedente
Successivo
[uwp_login]