BETA VERSION
Sito Ufficiale di Informazione Turistica
Comune di Ravenna

Cimitero monumentale di Ravenna

Via Cimitero, 166 - Ravenna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Il CIMITERO MONUMENTALE DI RAVENNA sorge sulla riva del canale Candiano, a 3 km dal centro della città.

La sua fondazione risale al 1817 quando, durante le repubbliche napoleoniche, l’assetto urbanistico delle città fu fortemente modificato e i luoghi di sepoltura spostati in luoghi “soleggiati e arieggiati” lontani dal centro urbano.

Il progetto della parte monumentale è più tarda. Risale al 1878 ed è opera dell’ingegner Romolo Conti che per la progettazione si rifece al modello delle certose lombarde, e in particolare a quella di Milano.

Dal punto di vista architettonico la struttura presenta due piani sovrapposti, che riflettono la divisione in classi sociali del tempo.

Al piano superiore, sotto gli ampi porticati, trovano spazio monumenti funebri che sono vere e proprie opere d’arte. Al piano inferiore invece, nel sotterraneo illuminato dalla scarsa luce che penetra da finestre a forma di oblò, si trovano le sepolture di personaggi di classe sociale inferiore.

Il cimitero monumentale è il luogo di sepoltura di diversi personaggi storici che hanno avuto un ruolo di primo piano nella storia post unitaria italiana e della città. Tra questi: Corrado Ricci, Luigi Rasi, Filippo Mordani, Francesco Negri, oltre memoriali ai caduti durante l’Unità d’Italia e la Prima Guerra Mondiale.

A descriverne l’atmosfera di struggente rapporto con la memoria e di colta nostalgia per un passato che è individuale, ma allo stesso tempo corale, è l’allora Sovrintendente Corrado Ricci:

“Vasto, solingo, pieno di poesia è il luogo scelto dal Comune di Ravenna nel 1817 per farvi il cimitero. Sulle rive del canale Corsini o Candiano, a tre chilometri dalla città, ha dietro il bosco dei pini, poi larghe stese solcate da canali, poi il mare”.
Corrado Ricci (La Guida di Ravenna, 1923)

CONTATTI

FOCUS

Il monumento in onore di Giuseppe Rava

A Luigi Ricci si deve l’ideazione dell’ornato (cui resta il progetto grafico presso la Biblioteca Classense) del monumento eretto per Giuseppe Rava, uomo politico ravennate morto nel 1879 e padre di Luigi, Senatore del Regno, noto per essere stato il promotore della prima legislazione italiana sulle Antichità.

A eseguire materialmente il monumento fu Stefano Fenati, scultore e intagliatore ravennate molto attivo sul finire del XIX secolo, autore tra l’altro di alcune delle migliori sculture sepolcrali qui presenti.

informazioni utili

Orario

Tutti i giorni: 6.30 – 19.00 (ora legale); 7.00 – 18.00 (ora solare).

Tariffe

Ingresso gratuito.

Accessibilità

L’area cimiteriale è interamente accessibile.

Come Arrivare

Il cimitero monumentale di Ravenna sorge sul Canale Candiano, all’esterno della città.

In macchina: abbandonata la stazione ferroviaria di Ravenna proseguire lungo Via delle Industrie in direzione di Porto Corsini. L’area è dotata di una vasta area parcheggio

In bus: sono diverse le linee (n. 8, 90) che arrivano nei pressi del cimitero. Per maggiori informazioni: www.startromagna.it.

A cura della Redazione Locale
E-mail: turismo@comune.ravenna.it

Ultima modifica: 1 Marzo 2022

TI POTREBBE INTERESSARE

Precedente
Successivo
[uwp_login]