BETA VERSION
Sito Ufficiale di Informazione Turistica
Comune di Ravenna

Duomo (o Basilica Ursiana)

Piazza Duomo, 1 - Ravenna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Fra i diversi itinerari religiosi che la città di Ravenna offre, uno in particolare desta particolare interesse.

Attorno a quella che è l’area di Piazza Duomo e Piazza dell’Arcivescovado si concentrano infatti alcuni dei monumenti più importanti della storia della spiritualità locale: il Palazzo Arcivescovile (sede del Museo Arcivescovile e della Cappella di Sant’Andrea), il Battistero Neoniano e infine la Cattedrale metropolitana della Risurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo, conosciuta semplicemente come il DUOMO.

Un complesso vasto e imponente che attrae l’attenzione di tutti coloro che si trovano a passare davanti al suo cospetto e che li spinge inequivocabilmente a conoscere in maniera più dettagliata la sua lunga storia.

L’Hagìa Anástasis di Ravenna

La cattedrale di Ravenna fu progettata in concomitanza al trasferimento spostamento della capitale imperiale da Milano a Ravenna nel 402 d.C.

Costruita al centro della città, fu consacrata il 3 aprile del 407 d.C. e dedicata alla Risurrezione di Gesù (in greco antico Hagìa Anástasis). Infine, assunse la denominazione di “Basilica Ursiana”, dal nome del suo fondatore, il vescovo Orso.

L’edificio originario, di cui possiamo ipotizzare la struttura grazie agli scritti dello storico Andrea Agnello (IX sec. d.C.) e alcuni interventi di scavo archeologico, aveva pianta basilicale. Suddivisa probabilmente in cinque navate, scandite da quattro filari di colonne, terminava con un’abside internamente semicircolare ed esternamente poligonale.

Il pavimento originale non è più visibile e si trova a oltre 3 metri di profondità rispetto il piano stradale attuale.

Nel 1112 d.C., a seguito di alcuni interventi di restauro, furono apportate alcune modifiche al complesso, tra cui il completo rifacimento delle decorazioni musive dell’abside, i cui resti sono oggi in parte conservati al Museo Arcivescovile.

Il “nuovo” duomo

La vera trasformazione per l’edificio, che ai tempi appariva notevolmente degradato e declassato, arrivò a metà del ‘700.

Dietro scelta dell’arcivescovo Maffeo Nicolò Farsetti si decise di avviare un rimodernamento dell’intera struttura in chiave neoclassica. Per i lavori fu contattato l’architetto riminese Gianfrancesco Buonamici.

L’intervento comportò la quasi totale distruzione delle fasi antiche e la ricostruzione pressoché integrale della chiesa, nelle forme che ancora oggi possiamo ammirare.

Le uniche strutture a salvarsi furono il campanile cilindrico del X secolo e la cripta, oggi sommersa. Furono, invece, asportati o distrutti i mosaici che erano stati aggiunti nel 1112 d.C.

Oggi il Duomo ha una struttura completamente diversa da quella che era l’originale. L’edificio, a croce latina, è suddiviso in tre navate da due file di colonne.

All’incrocio tra la navata centrale e il transetto si eleva una grande cupola neoclassica di quasi 50 metri, completamente affrescata da Giovanni Battista e Andrea Barbiani, adagiata su un alto tamburo sormontato da una lanterna e scandito da otto finestroni.

Dalla navata principale si accede a quelle laterali che si articolano in tre campate a pianta rettangolare, sulle quali si aprono simmetricamente cappelle oratorie, alcune delle quali di suggestivo splendore.

Tra queste, oltre quella del Santissimo Sacramento, una menzione particolare spetta alla Cappella della Beata Vergine del Sudore, posta sulla parete di fondo del braccio destro del transetto (vedi focus).

Diverse sono le opere d’arte a carattere religioso, e non solo, che spiccano all’interno del Duomo. Da segnalare sono: la pala d’altare raffigurante San Cristoforo, realizzata da Antonio Rossi; il sarcofago di Sant’Esuperanzio con le spoglie dell’omonimo vescovo e quelle dell’arcivescovo Massimiano; la pala di Josep Baptiste Wicar con Gesù fra i Santi Antonio e Giacomo, l’ambone marmoreo del vescovo Agnello (557 – 570 d.C.) decorato con figure animali.

CONTATTI

FOCUS

La cappella della Madonna del Sudore

Costruita a spese dei ravennati dopo aver fatto un voto alla Madonna per ringraziarla di aver salvato la città dalla peste, la Cappella della Madonna del Sudore accoglie un’immagine sacra molto venerata. Tradizione indica che un tempo trovasse posto in una piccola nicchia all’interno di una taverna.

Ciò che sappiamo dalla leggenda è che l’icona sacra iniziò a “sudare” sangue, dopo essere pugnalata da un soldato, accecato da uno scatto d’ira per aver perso al gioco un’ingente quantità di denaro.

Nel corso della storia il miracolo si verificò altre due volte: nel 1512 durante il sacco della sanguinosa Battaglia di Ravenna e nel 1630 quando i cittadini, spaventati dal morbo della peste, fecero voto alla Madonna.

Oggi, all’interno della cappella si conservano il piccolo dipinto e due importanti sarcofagi datati al V sec. d.C.: il prima ospita le spoglie dell’arcivescovo Rinaldo da Concorrezzo, il secondo quelle di San Barbiano, consigliere confessore dell’imperatrice Galla Placidia.

La Madonna ritratta nella cupola è opera di Giovanni Battista Barbiani, mentre i quattro evangelisti sono opera di Andrea Barbiani.

informazioni utili

Orario

INVERNO
Feriali:
7.00 – 12.00 / 14.30 – 17.00
Prefestivi e Festivi: 7.00 – 12.00 / 14.30 – 19.30

ESTATE
Feriali:
7.00 – 12.00 / 14.30 – 18.30
Prefestivi e Festivi: 7.00 – 12.00 / 14.30 – 19.30

Tariffe

Ingresso gratuito.

Accessibilità

L’edificio è accessibile a tutte le persone disabili.

Come Arrivare

Il Duomo s trova a circa 150 mt. dalla centralissima Piazza Kennedy, alle spalle del Complesso Arcivescovile e a lato del Battistero Neoniano.

A piedi: il duomo è facilmente raggiungibile a piedi partendo dalla vicina stazione ferroviaria.

In bus: il complesso è servito dal trasporto pubblico locale. Per orari e soste: startromagna.it

In macchina: il centro storico di Ravenna è ad accesso limitato. Per conoscere le più vicine aree parcheggio, vedi QUI.

A cura della Redazione Locale
E-mail: turismo@comune.ravenna.it

Ultima modifica: 16 Marzo 2022

TI POTREBBE INTERESSARE

Precedente
Successivo
[uwp_login]