BETA VERSION
Sito Ufficiale di Informazione Turistica
Comune di Ravenna

Il Cavallo di Mimmo Paladino

Via di Roma, 13 - Ravenna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Davanti alla facciata del Museo MAR, accanto alla basilica di Santa Maria in Porto, si erge una grande scultura raffigurante un cavallo, in cotto e dipinta con smalti, ad opera di Mimmo Paladino.

Portata in città nel 2005, in occasione della mostra personale “Mimmo Paladino in scena”, l’artista decise di lasciarla momentaneamente a Ravenna, fino a quando non avesse deciso dove collocarla.

Recentemente, il museo ne ha acquisito la proprietà, inserendola tra le collezioni di arte contemporanea insieme ad altre opere dall’artista in suo possesso: il gruppo scultoreo Assediato (1991-1992), il cartone preparatorio dell’Albero della vita del 1984 che l’artista ha realizzato per il Parco della Pace di Ravenna e il mosaico Vanità del 1988.

L’opera

Il cavallo, elemento ricorrente nella carriera dell’artista, è diventato per cittadini e turisti un simbolo identitario non solo del museo ma di tutta la città.

Alto circa 5 metri da terra, l’animale poggia su un basamento in bronzo, con le sue gambe esili attaccate al corpo, da cui svetta il collo inarcato, il muso appuntito e l’occhio cavo.

Ammirandolo traspare una semplicità arcaica e al tempo stesso moderna, che richiama i temi e l’iconografia del Don Chisciotte, su cui l’artista lavorò, così come quella del cavallo di Troia.

In quest’opera, come in altre dell’artista, si nota la sinergia costante con cui Paladino fa dialogare la pittura con la scultura, che trova il suo culmine nelle installazioni di grandi dimensioni, dalle tele agli oggetti in tre dimensioni.

L’autore

Campano, classe 1948, Domenico Paladino è stato uno tra i principali esponenti della Transavanguardia italiana, movimento artistico che mise in campo un ritorno alla pittura e alle arti figurative, dopo le correnti concettuali degli Anni Settanta, interpretando perfettamente le caratteristiche di eclettismo e nomadismo intellettuale codificate da Achille Bonito Oliva negli anni ‘80.

La sua produzione si avvale di un vasto immaginario che attinge a diverse epoche e stili diversi, privilegiando l’attraversamento e l’esplorazione di un repertorio riferito in modo particolare alla tradizione primitivistica. Oggi le sue opere sono ospitate in alcuni dei più importanti musei internazionali, tra cui il Metropolitan Museum of Art di New York.

CONTATTI

informazioni utili

Orario

Sempre visibile.

Gratuità

L’accesso all’opera è libero e gratuito.

Accessibilità

L’opera si trova in un’area aperta, sempre accessibile.

Come Arrivare

A piedi: l’opera si trova in pieno centro storico, a breve distanza dalla stazione ferroviaria in direzione dei Giardini Pubblici. Collocato nel giardino prospiciente il Museo MAR, nelle sue vicinanze si trovano la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, il Planetario, il Palazzo di Teodorico (cosiddetto) e la Basilica di Santa Maria in Porto.

In bus: linea 4 in partenza dalla stazione ferroviaria di Ravenna. Cerca il tuo autobus: www.startromagna.it

In auto: l’area attorno è dotata di diverse aree parcheggio a pagamento. Per consultare quella più vicina, guarda qui

A cura della Redazione Locale
E-mail: turismo@comune.ravenna.it

Ultima modifica: 19 Agosto 2021

TI POTREBBE INTERESSARE

Precedente
Successivo
[uwp_login]