BETA VERSION
Official Tourist Information Site
Municipality of Ravenna

BLOG UFFICIALE DI RAVENNATOURISM

#myravenna

Luoghi, i personaggi e le storie che raccontano l’anima autentica di Ravenna

La Cattedra eburnea del vescovo Massimiano di Ravenna

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Cattedra vescovile di Massimiano

Oggi parleremo del Museo Arcivescovile, custode geloso di prestigiosi capolavori del mondo ecclesiastico. Al suo interno si trova anche la Cappella Arcivescovile di Sant’Andrea, dichiarata Patrimonio Unesco dell’Umanità In questo post affronteremo un’altra opera conservata all’interno del Museo: la Cattedra eburnea di Massimiano.

Originariamente realizzata in legno ma completamente ricoperta di avorio, si tratta di un trono episcopale di incredibile pregio. Il nome di “cattedra” gli è attribuito per via del compito a cui ogni Vescovo era chiamato ad assolvere quale simbolo di autorità religiosa.

Cattedra vescovile di Massimiano
Cattedra vescovile di Massimiano | Foto © romagnamare.altervista.org

L’origine dell’opera non è certa. L’ipotesi più accreditata è che quest’opera d’arte sia stata realizzata a Costantinopoli per l’Arcivescovo Massimiano. Il fascino delle sue decorazioni deriva dalle numerose influenze artistiche, come quelle anatoliche, alessandrine, egiziane e siriache.

Dettaglio della Cattedra di Massimiano, Museo Arcivescovile, Ravenna
Dettaglio della Cattedra di Massimiano, Museo Arcivescovile, Ravenna | Foto © lastoriaviva.it

La Cattedra eburnea di Massimiano era ricoperta da 26 piccoli pannelli, corrispondenti a due cicli narrativi differenti. Nella fronte del bancale compaiono i quattro Evangelisti e San Giovanni Battista con il monogramma di “Maximianus episcopus” sono incorniciati da motivi vegetali e diversi animali.

La sua funzione rimane oggi ancora poco chiara: il sedile è troppo fragile per essere utilizzato come  trono episcopale, mentre è più plausibile un suo utilizzo simbolico.

Federica  Melandri

Federica Melandri

Appassionata di cultura italiana e straniera, definisco la mia vita un viaggio e chi viaggia vive due volte.

A cura della Redazione Locale
E-mail: turismo@comune.ravenna.it

Ultima modifica: 2 April 2021

#correlati

Previous
Next
[uwp_login]