Galleria foto

Menu di livello

Home >Scopri il territorio > Personaggi, storia, tradizioni > Riti, leggende > Pineta di Classe: la visione di Nastagio degli Onesti

Pineta di Classe: la visione di Nastagio degli Onesti

Giovanni Boccaccio soggiornò a Ravenna nel 1345-46, ospite di Ostasio da Polenta. Dopo essere stato diverse volte nella rigogliosa Pineta di Classe, scrisse nel Decamerone la curiosa e visionaria Giornata V- Novella VIII.

La Novellanarra di un nobile ravennate, Nastagio degli Onesti, che ancora molto giovane si ritrovò ricchissimo. Presto s'innamorò di una ragazza di un'ancora più nobile famiglia, quella dei Traversa, ma lei non mostrò mai interesse al suo amore.

Nastagio cadde in tristezza e i suoi amici e parenti gli consigliarono di andarsene da Ravenna.

Il ragazzo seguì il consiglio e si trasferì a Classe, ma in un giorno di primavera, addentratosi nella pineta, Nastagio vide una ragazza correre nuda e in lacrime, inseguita da due cani che la mordevano e da un Cavaliere nero che la minacciava di morte.

Lui si schierò a difesa della fanciulla ma l'uomo a cavallo gli disse di lasciarlo fare in quanto, essendo in realtà già morto per essersi suicidato, stava solo scontando la propria pena infernale, accanendosi su colei che disprezzando il suo amore lo aveva portato a togliersi la vita.

Rassegnatosi al volere divino, Nastagio assisté allo strazio del corpo della giovane da parte del Cavaliere. Ma con grande sorpresa vide che, al termine della tragedia, la fanciulla si rialzò, riprese a vivere e i due ricominciarono da capo il loro inseguimento con i cani che correvano, fino a fuggire dalla vista di Nastagio.

Il ragazzo decise allora di approfittare di questa situazione, perciò invitò i propri parenti e la sua amata coi genitori a banchettare in quel luogo.

Come aveva previsto, alla fine del pranzo si ripeté la scena straziante alla quale lui aveva assistito e questa ebbe l'effetto sperato: la giovane Traversa, ricordandosi di come aveva sempre calpestato l'amore che lui provava nei suoi confronti, per paura di subire la stessa condanna acconsentì immediatamente a sposarlo e lo amò.

Sandro Botticelli, nel 1483 dipinse quattro pannelli su questa Novella, forse commissionati da Lorenzo il Magnifico per farne dono a Giannozzo Pucci, in occasione del suo matrimonio con Lucrezia Bini. Oggi tre pannelli sono esposti al Museo El Prado di Madrid e uno a Palazzo Pucci a Firenze.

Pagine a cura della Redazione Locale

e-mail Redazione: turismo@comune.ravenna.it

Data ultima modifica: 13/09/2013

Recapiti

Indirizzo:
Pineta di Classe - Fosso Ghiaia

Naviga nei documenti della stessa sezione