BETA VERSION
BETA VERSION

#myravenna

progetto WaVE

Chiusa Rasponi

la chiusa Rasponi

Situata quasi alla foce dei Fiumi Uniti la CHIUSA RASPONI è strettamente legata al territorio ravennate. Utilizzata per le bonifiche per colmata e per fornire acqua all’agricoltura, la storia della chiusa ci riporta a un periodo in cui la lotta tra terra e mare era matrice quotidiana per la città di Ravenna.

Fino ai primi del ‘900 i corsi fluviali della città non erano dotati di alcun sistema di sbarramento stabile per il contenimento e l’innalzamento del livello delle acque. Per garantire il rifornimento idrico anche nei periodi di siccità, venivano realizzate ogni anno delle opere mobili, solitamente posizionate nel periodo estivo e successivamente rimosse.

Questo tipo di attività fu adoperata anche in prossimità della foce dei Fiumi Uniti dove ogni anno si costruiva il cosiddetto cavedone di Marina (il cavedone è una piccola diga in terra).

Nel 1906 il Conte Rasponi delle Teste si fece promotore del progetto di costruzione in questo luogo di una diga fissa in ferro e cemento armato. Nel 1910 fu resa operativa ma qualche anno dopo (1928) crollò durante una piena.

Nel 1932 il Governo avviò la sua ricostruzione, utile a garantire anche il fabbisogno idrico del vicino zuccherificio di Classe. I lavori terminarono nel 1935, dando vita alla struttura della chiusa così come è visibile ancora oggi. Contestualmente fu realizzata anche una casa di guardiania, utile come base di appoggio per interventi di manutenzione.

Chiusa Rasponi (Ravenna)
Chiusa Rasponi (Ravenna) | Foto © Archivio Storico del Consorzio di Bonifica della Romagna.

A cura della Redazione Locale
E-mail: turismo@comune.ravenna.it

Ultima modifica: 10 Novembre 2021