BETA VERSION
Sito Ufficiale di Informazione Turistica
Comune di Ravenna

#myRavenna

Il BLOG UFFICIALE DI RAVENNATOURISM

Luoghi, i personaggi e le storie che raccontano l’anima autentica di Ravenna

Apollinare – Un Santo e la sua città

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Sant'Apollinare

A Ravenna il 23 luglio si festeggia Sant’Apollinare, primo vescovo e Patrono della città.

Le fonti narrano che Apollinare, originario della Siria, fosse stato inviato da San Pietro in questa parte d’Italia, e a Classe nello specifico, per la rilevante presenza di orientali impegnati nelle attività portuali del porto commerciale.

La statua di sant'Apollinare, piazza del Popolo (Ravenna)
La statua di sant’Apollinare, piazza del Popolo (Ravenna) | Foto © magazine.unibo.it

La storia e il culto di Sant’Apollinare sono profondamente connessi alla storia di Ravenna. La sua statua è collocata sulla sommità di una delle due colonne di epoca veneziana in Piazza Popolo, e a lui sono consacrate due basiliche del V e VI secolo dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Da una parte ritroviamo Sant’Apollinare in Classe, che custodì per prima le sue spoglie mortali; dall’altra Sant’Apollinare Nuovo, di costruzione più antica (un tempo basilica palatina del re goto Teoderico) e a lui dedicata nel IX secolo, in seguito alla fine dei domini bizantino e longobardo.

Basilica di Sant'Apollinare Nuovo (Ravenna)
Basilica di Sant’Apollinare Nuovo (Ravenna)

Ancora oggi nei mosaici absidali di Classe la figura del Santo risplende in posizione centrale e fissa un modello che sarà poi tramandato nel tempo, dando luogo a monumenti, opere d’arte, manifatture, apparati decorativi e liturgici.

La sua figura compare in numerose pale d’altare, custodite nelle chiese e nei musei di Ravenna, a testimonianza di una devozione che si è rafforzata nei secoli.

Durante il periodo medievale, il culto di sant’Apollinare si è arricchito grazie alle città del nord Europa, quando la diaspora delle sue reliquie partì da Ravenna, attraversando la Francia, l’Olanda e la Germania.

Oggi Apollinare è patrono di Düsseldorf che lo celebra, proprio nei giorni attorno al 23 luglio, con la più grande fiera sul fiume Reno, la cui prima edizione risale ai primi anni del ‘300.

Basilica di Sant’Apollinare in Classe (Ravenna)
Basilica di Sant’Apollinare in Classe | Foto © Giacomo Banchelli (Archivio Fotografico Comune di Ravenna)

I viaggi del Santo e delle sue reliquie, giunte in Francia, Olanda e Germania, narrano una storia antica che ci fa comprendere come anche nel passato le città e le genti del Mediterraneo e dell’Europa, apparentemente lontane, fossero in realtà molto vicine.

RavennaTourism

RavennaTourism

Ogni giorno la redazione di Ravenna racconta attraverso immagini e contributi di vario tipo la città al di fuori dei luoghi comuni, in un percorso in bilico tra arte, cultura, mare e natura.

A cura della Redazione Locale
E-mail: turismo@comune.ravenna.it

Data pubblicazione: 20 Maggio 2018
Data revisione: 30 Maggio 2022

#correlati

Precedente
Successivo
[uwp_login]