BETA VERSION
Sito Ufficiale di Informazione Turistica
Comune di Ravenna

Le valli meridionali di Comacchio (Valle Furlana)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Le Valli di Comacchio sono un’incredibile zona umida di oltre 130 km quadrati, divisa tra le province di Ferrara e Ravenna.

La parte meridionale, delimitata dal Fiume Reno, fa parte del territorio ravennate e presenta alcuni siti d’interesse naturalistico e paesaggistico importantissimi.

Il percorso più agevole per raggiungere le valli meridionali di Comacchio, provenendo da Ravenna, porta al pittoresco traghetto a fune di Sant’Alberto.

Una volta passato il Reno il primo spettacolo indimenticabile lo offre la Penisola di Boscoforte. Una lingua di terra sottile e affusolata che separa la Valle Fossa di Porto dall’Oasi di Valle Furlana e dalla Valle Lido di Magnavacca.

L’intera area ha un’eccezionale rilevanza naturalistica sia per quanto riguarda l’avifauna che per la vegetazione. Il paesaggio è costellato da cortine di tamerici e giunchi marittimi, salicornia, salici e pioppi bianchi.

Ovunque si incontrano strisce d’acqua e di terra intrecciate le une alle altre. In qualche angolo affiorano i bonelli (insieme di più isolotti sabbiosi), alcuni dei quali spuntano soltanto durante la bassa marea.

Nella valle vivono, tra le molte specie, numerose anguille, spigole, orate, cefali e ghiozzi.

Nell’Oasi di Volta Scirocco, che ospita una stazione di ricerca, si trovano alcuni capanni di osservazione.

La visita alla valle è possibile anche con il “Tarabusino”, un piccolo bus elettrico che parte dal Museo NatuRa, centro visite di Sant’Alberto e percorre tutto l’argine sud delle valli di Comacchio.

CONTATTI

FOCUS

BIRDWATCHING

Valle Furlana, osservabile dalla sponda sinistra del fiume Reno, è un mare dormiente, popolato da molte specie di uccelli.

Il suo habitat costituisce un fortissimo richiamo per tantissime specie ornitiche.

Passeggiando a piedi o in bicicletta è possibile scorgere cigni, fenicotteri rosa, aironi, anatre, avocette, spatole, volpoche, fraticelli, falchi di palude e cavalieri d’Italia.

Informazioni utili

Come Arrivare

Percorrendo la SS Romea e svoltando verso ovest, poco più a sud del fiume Reno, si raggiungono i centri di Mandriole e S.Alberto. Qui, giunti sull’argine meridionale del fiume Reno, è possibile accedere a un piccolo traghetto (affitto bici e canoe) che permette di arrivare sulla sponda opposta, in prossimità della valle Furlana.

A cura della Redazione Locale
Email: turismo@comune.ravenna.it

Ultima modifica: 7 Maggio 2021

TI POTREBBE INTERESSARE

Precedente
Successivo
[uwp_login]