BETA VERSION
Sito Ufficiale di Informazione Turistica
Comune di Ravenna

Marguerite Yourcenar

Via di Roma, 53 - Ravenna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scriveva Marguerite Yourcenar, in visita a Ravenna nel 1935, in “Ravenna ovvero il peccato mortale”, capitolo poi confluito nella raccolta postuma “Pellegrina e Straniera” (1989):

“Uno dei confini di Ravenna sta in questo confine dell’immobilità con la velocità suprema; essa conduce alla vertigine. Il secondo segreto di Ravenna è quello dell’ascesa nel profondo, l’enigma del nadir. Letteralmente i personaggi dei mosaici sono minati: hanno scavato in se stessi enormi caverne nelle quali raccolgono Dio. Affondati nelle viscere dell’estasi partono alla ricerca di un sole di mezzanotte, ai mistici antipodi del giorno. La loro esperienza contraddice lo slancio gotico che tende le braccia a Dio. Rinchiusi in un sogno, imprigionati sotto la campana da palombaro delle cupole, sfuggono alla frenesia del mondo nella serenità del baratro.”
(M. Yourcenar, Pellegrina e straniera, 1989)

Un’imprescindibile contraddizione resta, dunque, per la Yourcenar, insita tra lo splendore del passato, gli ori dell’epoca imperiale, le basiliche irridenti di luce, di blu oltremare e verde smeraldo degli antichi mosaici, e il lento inesorabile declino che seguì nei secoli successivi della dominazione ecclesiale.

Di quell’immobilità fanno specchio i corsi d’acqua stagnante, le paludi, gli acquitrini di cui la città era circondata come le mura e le roccaforti che ne cingevano il perimetro esterno.

“Non c’è altra città dove si risenta maggiormente dello iato tra interno e esterno, tra la vita pubblica e la segreta vita solitaria. Sulla piazza il sole riscalda le sedie di ferro di fronte la porta di un caffè. Bambini sporchi, donne debordanti di maternità sfociano nelle strade tristi.

Ma qui in questa purezza di tenebre, ben presto resa trasparente dall’abitudine, rilucono qua e là fuochi limpidi, come quelli di un’anima in cui lentamente si formino i cristalli della sventura.”

informazioni utili

A cura della Redazione Locale
E-mail: turismo@comune.ravenna.it

Ultima modifica: 31 Marzo 2022

TI POTREBBE INTERESSARE

Precedente
Successivo
[uwp_login]