BETA VERSION
Sito Ufficiale di Informazione Turistica
Comune di Ravenna

Henry James

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

“Di Ravenna comunque non ho che da sorridere, di un sorriso grave, meditabondo, filosofico, mi affretto a precisare, così come conviene alla dignità storica (…) del luogo. Il resto della mattinata lo trascorsi passando incantato dalle calde strade inondate di luce dorata al freddo e grigio interno delle chiese. Quel grigio però era dovunque vivificato dallo scintillio delle volte e delle trabeazioni ricoperte di mosaici più o meno arcaici, ma sempre brillanti ed elaborati; dovunque si sentiva anche lo stesso profondo stupore per il fatto che, mentre i secoli erano trascorsi ed erano caduti e risorti imperi, queste piccole tessere colorate di pasta vitrea rimanevano nelle loro sedi conservando intatta la loro freschezza.”
(H. James, Ore italiane 1872-1909)

Sarebbe possibile teorizzare che i romanzi di Henry James non parlino tanto di personaggi quanto piuttosto di epoche, di culture, di sfere sociali. È l’incontro, spesso in forma di scontro tra culture e appartenenze (una americana, l’altra inglese), ad offrire il terreno ideale su cui James costruisce parte della psicologia dei personaggi e una narrazione, in cui abbondano il punto di vista soggettivo e la tecnica del monologo interiore, che daranno una svolta decisiva al romanzo moderno.

In questo senso deve essere stato enormemente prezioso il viaggio che Henry James fece in Italia e la sua permanenza a Ravenna, città a cui sono dedicate ben 11 pagine della sua raccolta Ore italiane, scritta tra il 1872 e il 1909.
Pagine che, ancora oggi, risultano affascinanti e grandemente preziose perché intessute di visioni, ovvero descrizioni di ambienti ma anche di atmosfere, che ci riportano a una Ravenna emozionante e ricca di tesori, artisticamente esibiti o incredibilmente potenti anche solo per il riverbero del passato che riaffiora dovunque. Scrive infatti James:

“È come se la storia si fosse nascosta sotto terra per sfuggire alle ricerche
e voi l’aveste felicemente riportata alla luce (…)
dovunque vi giriate vi imbattete in qualche appassionato richiamo
alla vostra memoria storica”.

E della cappella di Galla Placidia dice:

“Si tratta forse del punto, nell’intera Ravenna,
dove l’impressione possiede un’autorità sovrana ed una grande forza emotiva”

Spontaneo, coinvolgente James ci guida con grande empatia per le strade e le piazze ravennati, come quando scrive semplicemente:

“Perché Ravenna, meno di una settimana fa,
era nel suo splendore, quando camminavo lungo il bordo delle strette fasce d’ombra
che accompagnavano da un lato le sue strade bianche e deserte”.

Dedicherà anche lui, come i suoi illustri predecessori, un’attenzione particolare all’intersezione tra arte e natura, tra storia e presente, tra ragione e sentimento, quando arriva a Classe e gli si apre davanti maestoso lo spettacolo di Sant’Apollinare:

“[…] Tra la città e la foresta, nel mezzo di un terreno paludoso e malarico, si innalza la più bella delle chiese ravennati, l’imponente tempio di Sant’Apollinare in Classe. L’imperatore Augusto aveva costruito nei dintorni un porto, per la sua flotta, che i secoli hanno insabbiato e che sopravvive solo nel nome di questa antica chiesa. La sua posizione di assoluta solitudine ne raddoppia l’effetto.
Le sue grandi porte si aprirono dinnanzi a me, facendo filtrare un raggio di calda luce nella splendida navata, tra le ventiquattro colonne di marmo cipollino soffuse da una luminescenza perlacea; e la luce salì anche per l’ampia scalinata dell’abside, per poi trascorrere sotto i mosaici della volta. Rimasi lassù in alto per una memorabile mezz’ora, seduto in quell’onda di luce morbida, a guardare in basso la grigia e fredda ampiezza della navata, e poi fuori dalla porta spalancata, verso il verde vivido degli stagni, porgendo l’orecchio a quella quiete malinconica”.

informazioni utili

A cura della Redazione Locale
E-mail: turismo@comune.ravenna.it

Ultima modifica: 31 Marzo 2022

TI POTREBBE INTERESSARE

Precedente
Successivo
[uwp_login]