BETA VERSION

Pieve di San Pietro in Trento

Via Bezzi - Ravenna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

All’altezza dell’abitato di Coccolia, perpendicolare alla via Ravegnana corre una strada che conduce alla località di San Pietro in Trento.

Qui sorge la pieve di San Pietro in Trento, appartenente alla Diocesi di Forlì.

Il toponimo “in Trento” (“in Trentula” o il precedente “Trigintula”) è dovuto all’ubicazione della chiesa, poiché si trova al trentesimo miglio secondo la centuriazione romana.

La tradizione colloca la fondazione di questa pieve nel V secolo, ai tempi di Galla Placidia, ma, più verosimilmente, venne costruita all’inizio del IX secolo. Compare, infatti, per la prima volta citata in fonti scritte del 977 nell’Archivio Arcivescovile di Ravenna.

L’edificio, a pianta longitudinale, è suddiviso in tre navate delimitate da pilastri in muratura; la navata centrale termina con un’abside semicircolare all’interno e poligonale all’esterno.

La luce all’interno della chiesa filtra attraverso le tre finestrelle arcuate della parete absidale e le strette feritoie disposte lungo i muri perimetrali.

Nell’abside, rialzata rispetto al restante edificio, si apre una piccola cripta “ad oratorio”; probabilmente costruita sul finire del X secolo, la struttura presenta una volta che poggia su quattro piastrini, sormontati da piccoli capitelli finemente decorati.

Altre informazioni

NeLLE VICINANzE

Precedente
Successivo
[uwp_login]