BETA VERSION

Palazzo Baronio

Via Raul Gardini, 16 - Ravenna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Costruito nel 1744 da Domenico Barbiani per volontà della famiglia Guiccioli, è uno dei palazzi più imponenti di Ravenna. Gli esterni mantengono l’originario colore caratteristico dei palazzi ravennati del periodo. Un gusto barocco, balconi e due portali in pietra d’Istria caratterizzano la facciata, impostata su piani diversi.

I Guiccioli, tuttavia, dopo aver ottenuto velocemente potere e ricchezza persero la loro fortuna. A causa dei debiti, la famiglia mise in vendita il palazzo, che, nel 1788, fu acquistato dai Baronio, famiglia arricchitasi nel periodo post-napoleonico.

La pianta irregolare del palazzo è dovuta all’andamento della strada davanti, leggermente curva. Intorno al corpo principale a tre piani si aprono due ali laterali rientranti a due piani.

L’atrio conserva il pavimento originario in mattoni a spina di pesce, con le due guide per le ruote delle carrozze. Il palazzo ha un ampio cortile interno e una piccola cappella privata, sempre in stile barocco.

La torre in angolo apparteneva invece a una struttura preesistente, inglobata poi dall’intervento del Barbiani. Un maestoso scalone conduce alle numerose sale del piano superiore, quattro delle quali sono decorate con soggetti mitologici sul Monte Olimpo da un artista di scuola faentina, forse Felice Giani (1758-1823) e per molti decenni fu la sede del “Circolo Cittadino”.

Palazzo Baronio è ora sede di Maison Random, istituzione privata per l’arte contemporanea.

Altre informazioni

NeLLE VICINANzE

Precedente
Successivo
[uwp_login]