Galleria foto

Menu di livello

Home >Scopri il territorio > Personaggi, storia, tradizioni > Personaggi illustri > Shelley e Byron a Ravenna

Shelley e Byron a Ravenna

"Nessun amico di Byron gli fu così vicino, sia fisicamente che intellettualmente, durante gli anni in Italia" dice Joseph Cheyne. Anche Byron in una sua lettera conferma:"Shelley era quello che aveva la più alta opinione del mio talento e forse anche della mia personalità".
Il soggiorno di Shelley a Ravenna non fu molto lungo, ma fu sufficiente pe conoscere la città, e per rendersi conto che Byron aveva cambiato modo di vivere. Capì che molto era dovuto all'amore ma anche alla vita più tranquilla della piccola città di provincia.
In una lettera a Mary Shelley egli scrive: "Lord Byron sta molto bene ed è felice di vedermi. Ha infatti riacquistato pienamente la salute e vive una vita completamente diversa da quella che conduceva a Venezia... sarebbe presto morto se non fosse stato per l'affetto che lo distoglieva dagli eccessi in cui si gettava più per noncuranza ed orgoglio che per predilezione... ora è immerso nella letteratura e nella politica".
In una lettera a T.J. Peacock:" Lord Byron è in ottimo stato sia di salute che di animo... Vive con una donna, una signora di rango di qui, alla quale è affezionato e che gli è affezionata,... Ha scritto altri tre canti di Don Juan. Lord Byron si alza alle due. Io mi alzo contrariamente alle mie abitudini a mezzogiorno... Dopo colazione ci fermiamo a parlare fino alle sei. Dalle sei alle otto galoppiamo in mezzo alla foresta di pini che divide Ravenna dal mare; poi veniamo a casa e ceniamo e ci sediamo a chiacchierare fino alle sei del mattino. Non credo che tutto questo mi ucciderà in una settimana o quindici giorni, ma non lo sperimenterò a lungo. Il seguito di Lord Byron consiste, oltre agli inservienti, in dieci cavalli, otto canti enormi, tre scimmie, cinque gatti, un'aquila, un gallo ed un falco; tutti questi, eccetto i cavalli, passeggiano per la casa, che ogni tanto risuona delle loro dispute non arbitrate, come se fossero loro i veri padroni". Dopo il breve soggiorno a Ravenna Shelley tornerà a Pisa. Circa un anno più tardi annegherà nel golfo di La Spezia, l'otto Luglio del 1822.

Pagine a cura della Redazione Locale

e-mail Redazione: turismo@comune.ravenna.it

Data ultima modifica: 07/05/2013

Recapiti

Naviga nei documenti della stessa sezione