Galleria foto

Menu di livello

Home >Scopri il territorio > Arte e cultura > Chiese, battisteri > Chiesa di San Michele in Africisco

Chiesa di San Michele in Africisco

La piccola basilica di San Michele in Africisco, databile al VI secolo, fu finanziata dal ricco banchiere Giuliano Argentario (come la Basilica di San Vitale e Sant'Apollinare in Classe) e da un suo parente, chiamato Bacauda, come voto all'arcangelo Michele. Dedicata dal vescovo Vittore il 7 maggio 545 e consacrata dall'arcivescovo Massimiano nel 547, la chiesa deve l'attributo "Africisco" probabilmente alla Frigia, una regione dell'Asia Minore. Dal punto vista locale, il nome indicava il quartiere in cui sorgeva la chiesa.

Nel corso dei secoli l'edificio è stato oggetto di continui restauri, con l’aggiunta tra il 1400 e il 1500 della facciata e del campanile quadrangolare.
La chiesa, già in precarie condizioni, fu definitivamente sconsacrata nel 1805 a seguito delle requisizioni napoleoniche e nel 1812 fu venduta per 80 scudi ad un certo Andrea Cicognani, che ne riadattò la navata sinistra per farne delle pescherie per l'antistante mercato.
L'edificio, a tre navate, era decorato al suo interno da mosaici parietali e pavimentali, tra cui spiccava quello posto nel catino absidale. Quest'ultimo, acquistato nel 1843 dal re di Prussia, si trova oggi presso il Bode Museum di Berlino. La decorazione prevede al centro un Cristo imberbe che regge una lunga croce e un codex aperto, con ai lati le figure degli arcangeli Michele e Gabriele. Nell'arco trionfale l'iconografia si ripete: un Cristo seduto in trono, affiancato dagli arcangeli e dai sette angeli dell'Apocalisse; ai lati i SS. Cosma e Damiano, mentre nell'intradosso dell'arco sono presenti motivi vegetali e colombe, con al centro l'Agnello.

 

Orari

Ciò che resta della basilica è stato in parte inglobato all'interno di un elegante negozio di moda del centro storico.


Come arrivare

Centro storico, zona a traffico limitato. Bus n. 1 con fermata in Piazza Baracca. Parcheggio a pagamento per auto in Piazza Baracca (m. 200) e a Largo Giustiniano.

Pagine a cura della Redazione Locale

e-mail Redazione: turismo@comune.ravenna.it

Data ultima modifica: 15/06/2016

Recapiti

Indirizzo:
Via IV Novembre, 37

Naviga nei documenti della stessa sezione